Accolto il ricorso di AAMS per il bingo interconnesso in Italia

0
0

Il settore del bingo non attraversa il suo migliore periodo in Italia, e nelle sale di cemento e mattoni nel corso del 2009, gli incassi sono calati del 7,6%, segnando una raccolta complessiva di 1,53 miliardi di euro; ma recentemente l’attenzione si era spostata verso il bingo interconnesso ed il bingo online.

Il gioco del bingo interconnesso in Italia, era stato definito con i decreti direttoriali del primo aprile 2004 e del 19 aprile dello stesso anno, ma è stato solo in seguito alle modifiche effettuate nel maggio del 2008, che il bingo interconnesso ha iniziato il suo processo che lo ha portato oggi ad essere uno dei giochi a disposizione degli appassionati di tutta Italia.

Erano inizialmente previste tre modalità di gioco: la prima è il cosiddetto bingo nazionale, le cui partite vengono gestite direttamente dall’AAMS, la seconda è il bingo intersala, dove una sala ?master? permette ad altre sale di interconettersi insieme a tutte quelle che aderiscono allo stesso circuito, infine il bingo elettronico nel quale le partite vengono gestite da AAMS, e vi partecipano le sale bingo attraverso postazioni di gioco provviste di appositi terminali.

Ma il bingo interconnesso, così impostato, ha portato l’operatore AssoBingo a ricorrere al TAR, impugnando il decreto ed ottenendone l’annullamento per vizi nell’iter normativo, infatti pare che in questo modo alcune sale bingo più piccole si sarebbero trovate particolarmente penalizzate rispetto alle bingo room più importanti.

In seguito la stessa sorte è toccata anche al decreto per il bingo online, che, sempre per iniziativa di AssoBingo, è stato annullato nel mese di febbraio in seguito ad un ricorso al TAR, ed anche in questo caso è bastata l’accusa di vizi nell’iter normativo.
Il ricorso dell’AAMS non si è fatto attendere, ed è stato accompagnato pure da quello di operatori come Gioco Digitale e Bingo Gallura, ma anche da Federbingo stessa, riuscendo ad ottenere una sospensiva con Presidente della IV Sezione del Consiglio di Stato; per capire come si concluder? la questione sarà necessario comunque attendere il 23 marzo giorno nel quale è prevista la sentenza in camera di consiglio per la conferma del decreto cautelare.

Quanto al bingo interconnesso, il ricorso presentato da AAMS al Consiglio di Stato è stato accolto, e pertanto la sentenza del TAR Lazio di ottobre scorso cessa di produrre i suoi effetti; la posizione del Consiglio di Stato è stata chiara, definendo inammissibile il ricorso in prima istanza presentato da Assobingo ed accolto dal TAR, e specificando poi: ?il bingo simultaneo intersala ed il bingo accumulato intersala rappresentano modalità di gioco operative già previste e suscettibili come tali di essere disciplinate per mezzo di provvedimenti amministrativi a contenuto generale.?, il che renderebbe nulle le censure in merito all’iter normativo seguito.

Accolto il ricorso di AAMS per il bingo interconnesso in Italia, 3.8 out of 5 based on 10 ratings