Bryan Lemke vince il braccialetto del WSOP a No-limit Hold’em

0
2

Diversi grandi giocatori di poker, per la maggior parte al di sotto dei 30 anni erano tutti insieme all’evento 15 del WSOP, al tavolo da No-limit Hold’em, ma è stato il più anziano di tutti a portarsi a casa la vittoria.

E’ stato Bryan Lemke a vincere il suo primo braccialetto ed il premio in denaro dell’ammontare di 692.658 $ dopo aver battuto in heads up il giocatore dalla Germania Fabian Quoss, mettendo a segno quella che per lui è stata per ora la più grande delle sue vittorie.

Questo evento ha attratto ben 655 giocatori, ma erano ancora di più l’anno scorso quando si era raggiunto il numero di 731 partecipanti, ed allora il vincitore fu Scott Seiver.

Tornando all’evento recente, il tavolo finale è stato deciso nel momento in cui Isaac Baron ha sbattuto David Pham in decima posizione, con un premio in denaro di 47.501 $, e Christian Iacobbellis in nona, con 66.403 $, in una sola mano. Il tavolo finale è stato così formato dal chip leader Fabian Quoss con 2.000.000, Isaac Baron con 1,4 milioni, Danny Illingworth con 1,2 milioni, Billy Kopp con 1,1 milioni, Lika Gerasimova con 940.000, Mike Sowers con 840.000, il futuro vincitore Brian Lemke con soli 730.000 e molto corto invece Thomas Keller a 330.000.

Man mano al tavolo sono rimasti sono in tre, con un grosso vantaggio, chip leader indiscusso era ancora Quoss, mentre Lemke era riuscito a recuperare il suo iniziale svantaggio, in terza posizione si trovava Thomas Keller, finchè non è stato eliminato da un paio di mosse aggressive di Quoss.

Nell’heads up quindi erano Quoss con 7.666.000 contro Lemke a soli 2.150.000, e per il giocatore tedesco sembrava cosa fatta. Lemke sapeva che sarebbe stata davvero dura per lui, ed ha detto ai media dopo la partita ?sapevo che dovevo sperare di vincere una mano, ma una volta che eravamo praticamente in parit? ho pensato: ce la posso fare?.

Ed è esattamente ciò che questo tenace americano ha fatto, raggiungere la parit? di chips, fino a diventare chip leader, e vincere la partita dopo ben tre ore di heads up. Il secondo posto ha invece fruttato a Quoss 427.912 $, mentre Thomas Keller si è dovuto accontentare di 280.852 $.