Casino italiani e dei Paesi vicini temono l’arrivo delle videolottery

0
1

Si è parlato in altre occasioni dell’arrivo delle videolottery nel mercato del gioco italiano, ed è proprio in merito alle videolottery che le sale da gioco nostrane hanno dimostrato un particolare interesse, ma non solo nella prospettiva di incrementare il proprio business servendosi di questi nuovi giochi, ma anche nella preoccupazione di una forte concorrenza che si sta per affacciare nel settore dei giochi d’azzardo.

La questione delle vlt ha assunto uneimportanza di tale rilievo, che ha superato addirittura la notizia della possibile apertura di casino negli alberghi a cinque stelle, come proposto dal decreto legge Brambilla, ed è proprio per affrontare il tema delle videolottery che si terranno gli Stati Generali del settore, il 9 Novembre a Sanremo, uneiniziativa che parte da Federgioco, e che interesser? anche i casino dei Paesi vicini, in primis di Francia, Slovenia, Svizzera e Malta, che vedono nelle videolottery, una possibile causa di minore afflusso di giocatori provenienti dal bel Paese.

Il Casino di Lugano ad esempio ha un buon 80% della clientela che proviene dall’Italia, e se le vlt distoglieranno gli italiani dal gioco nei casino, saranno molte le sale da gioco che ne pagheranno le conseguenze. L?amministratore del casino di Lugano si pronuncia anche in merito alla proposta del Ministro Brambilla, mostrandosi scettico, ?non credo che questa iniziativa possa andare in porto. Non avrebbe senso chiedere 15.000 è per ogni videolottery, e al tempo stesso favorire una maggiore concorrenza nel mercato.?

Casino italiani e dei Paesi vicini temono l'arrivo delle videolottery, 4.1 out of 5 based on 14 ratings