Casino italiani e videolottery, proposta distanza di sicurezza di 80km

0
0

Sembra che sarà l’istituzione di una fascia protetta di 80 km intorno a ciascuna delle quattro sale da gioco italiane a proteggere i casino nostrani dall’arrivo nel mercato del gioco delle slot machines di nuova generazione, le ormai già note videolottery, che si prevede attrarranno subito grandi masse di giocatori in tutto il Paese.

Sarà infatti il vicinissimo 2010 l’anno delle vlt, e con l’arrivo di questa data, la preoccupazione da parte dei casino si fa sempre più tangibile, si reputa infatti che la concorrenza di questi nuovi giochi sarà spietata e potrebbe, se non tenuta sotto controllo, creare non pochi problemi alla già piuttosto fragile economia dei casino italiani.

Presso la Sala 500 euro del casino di Sanremo si sono così riuniti gli stati generali di Federgioco, l’associazione che raggruppa i casino di Sanremo, Saint Vincent, Campione d’Italia ed il casino di Venezia, con l’obiettivo di prendere delle precauzioni in vista dell’arrivo delle vlt, e subito è stata avanzata la proposta di istituire una distanza di almeno 80 km tra le nuove slot e le sale da gioco; “in questi anni,- sottolinea Ivo Colle, segretario nazionale di Federgiocol’attività dei casino è stata già insidiata dal progressivo affermarsi del gioco online, ed è il caso di discutere seriamente della situazione particolare che i casino italiani stanno attraversando”.

Donato Di Ponziano del Casino di Sanremo sottolinea l’importanza di prendere parte attiva in questa nuova frontiera del gioco d’azzardo, prospettando di trarre dei benefici entrando a far parte del più che promettente business delle videolottery, noi ci siamo da più di 100 anni, ci pare giusto che ci venga data la possibilità di concorrere all’aggiudicazione di questo privilegio”.

Casino italiani e videolottery, proposta distanza di sicurezza di 80km, 4.3 out of 5 based on 18 ratings