Conoscere e determinare le pot odds nell’omaha high low

0
0

Quando si effettua una partita ad Omaha è vantaggioso servirsi di una strategia intenzionalmente creata per questa variante. Il giocatore dovr? sfruttare le proprietà uniche dell’ Omaha, in modo tale da avere chiaro tutte le possibilità di vittoria, ricavando il massimo da una partita. Coloro che accostano al loro stile di gioco delle tattiche adeguate sono i giocatori che hanno un gran successo al tavolo.

Per riuscire bene in una partita di omaha high low bisogna saper calcolare le pot odds. Il concetto di odds è strettamente congiunto al concetto di outs, mentre i primi includono la probabilità che possiede un certo punteggio per la buona riuscita, i secondi sono caratterizzati dalle carte restanti che consentono ad un determinato risultato di concretizzarsi.

Distacchiamoci per un momento dalle logiche del calcolo delle pot odds del Texas hold’em e cerchiamo di comprendere quelle dell’ omaha high low. Nel dettaglio: se il giocatore è fornito di un tris al momento del flop, significa che le carte di cui non conosciamo il valore sono 47, cioè togliamo da 52 le 3 del flop e le 2 della hole. Di queste 47 carte ci servir? una sola carta, cioè l’outs è pari a 1, mentre gli odds saranno 47 a 1; in definitiva le possibilità per buona riuscita saranno di 47:1, quindi estremamente basse.

Per misurare le pot odds, si dispongono a rapporto la grandezza del piatto con la puntata dovuta per reggere e portare avanti il gioco. Di conseguenza, se sul tavolo è presente un piatto di 10 dovremo puntare 1, in quanto le pot odds saranno di 10:1, in questo caso maggiore è il rapporto più vantaggioso sarà giocare.

Conoscere e determinare le pot odds nell'omaha high low, 4.7 out of 5 based on 13 ratings