Continua la battaglia contro i giochi d’azzardo online negli Usa

0
0

L?offensiva del governo americano nei confronti del gioco d’azzardo online è partita colpendo i siti che offrivano questo tipo di servizio, come quelli dei casino online, poi ha iniziato a prendere come bersaglio gli operatori che permettevano transazioni di denaro da e verso questi siti, ed ora è stato compiuto un ulteriore passo in avanti contro il gambling su internet, ed i nuovi ad essere colpiti sembrano essere gli stessi utenti del web residenti negli Stati Uniti.

E’ quanto avvenuto a Nicholas Zicarelli, al quale il Department of Justice (DoJ) ha chiesto di testimoniare contro il casino online nel quale ha giocato; Zicarelli si è rifiutato di collaborare appellandosi al quinto emendamento, che protegge i cittadini dagli abusi perpetrati dalle autorità di governo nei procedimenti legali ed ha ottenuto la garanzia di immunit? da parte del Giudice di Distretto Greg Kays, che ha però proseguito per dimostrare il fatto che lui fosse molto più che un giocatore occasionale.

Ed avendo rifiutato di cooperare, per Zicarelli sono stati richiesti 18 mesi di carcere, a meno che non avesse deciso di rivelare le informazioni che gli sono state richieste, di fronte alla giuria. Pare che lo stesso Zicarelli sia stato scelto in modo casuale tra i più assidui clienti del sito di gambling in questione, ma rischia di essere trattato come un vero sospetto criminale.

Le critiche mosse contro il Dipartimento di Giustizia sono state dure sia da parte del padre di Nicholas Zicarelli, sia da parte di altri cittadini, i quali sono tutti del parere che il governo stia spendendo fin troppe risorse per combattere il gambling online, lasciando impuniti crimini ben più gravi che creano realmente problemi alla società americana.

Continua la battaglia contro i giochi d'azzardo online negli Usa, 4.7 out of 5 based on 13 ratings