Gestisce un locale con slot machine ma si rifiuta di pagare il PREU

0
0

Non sono pochi i giocatori di slot che sperano di scoprire qualche buon metodo per truccare le slot machine dei bar, e riuscire a ricavare così qualche bella vincita in denaro in modo facile e sicuro, e non sarebbe certo la prima volta che le slot dal vivo vengono truccate, anche se nella maggior parte dei casi in cui ciò accade, sono i gestori a trarne dei vantaggi.

Fidarsi delle slot machine dei bar o delle altre sale giochi non è sempre facile, ed episodi come quello che si è verificato proprio in questi giorni, che ha visto coinvolto un gestore condannato dal Tribunale di Roma per non aver corrisposto il PREU, di certo non aiutano a far crescere la fiducia nei confronti dei giochi di slot dal vivo.

Il gestore condannato dal Tribunale di Roma si era infatti rifiutato di pagare il PREU, che spettava al concessionario delle slot machine, in questo caso la società G.Matica rappresentata dall’Avv.Andrea Strata del Foro di Roma; il gestore è stato accusato di appropriazione indebita pluriaggravata.

E’ stato poi lo stesso Amministratore Delegato di G.Matica, Luca Contiello, ad esternare il proprio disappunto per quanto avvenuto, “Speriamo che il caso faccia giurisprudenza e rappresenti per il futuro, un efficace deterrente nei confronti di quegli operatori del settore che, non riversando il tributo erariale, creano anche un significativo danno di immagine a tutta la categoria degli operatori” aggiungendo poi: “ribadiamo tutto il nostro supporto ed impegno verso gli operatori che rispettano le regole.”.

Gestisce un locale con slot machine ma si rifiuta di pagare il PREU, 4.2 out of 5 based on 18 ratings