Il calcolo delle probabilità ? essenziale per vincere a Poker Hold’em

0
1

Prima di imbattersi nel gioco del poker è di fondamentale importanza saper cavarsela molto bene con il calcolo della probabilità, senza dover studiare calcoli matematici l’unica cosa da compiere è leggere quest’articolo.

Attraverso un semplice esempio cerchiamo di capire bene come funzionano le probabilità, per poi trasferirle nel mondo del poker: se vi proponessero di puntare una scommessa del valore di un Euro sulla vittoria di una squadra amatoriale sul Milan, e che in caso di successo della prima guadagnereste 10 euro, voi accogliereste la scommessa? Credo che nessuno accetterebbe, in ogni caso il rapporto della vostra vincita sarebbe di 1:10, un ragionamento essenziale che bisogna trasferire al poker.

Infatti, antecedentemente ad ogni puntata, è necessario essere al corrente di quali siano le probabilità che un determinato fatto avvenga (in gergo pokeristico: Odds), oltre a questo, bisogna in particolar modo identificare le carte che ci favorirebbero la chiusura del progetto: gli Outs.

Ipotizziamo di essere in possesso di J- K e che il board ci ha fornito 4- 10- Q-3; la prima cosa che ad un giocatore di poker salter? agli occhi è quello di poter creare una scala bilaterale se al river uscisse un 9 o un Asso.

In questo specifico caso avremmo 8 outs (4 assi + 4 nove), mentre per calcolare le odds dovremmo sottrarre dal mazzo le carte che abbiamo in mano e le carte del board (52-2-4=46) per un totale di 46. Di queste 46 carte sappiamo che 8 sostengono il nostro progetto e 38 non lo fanno; in definitiva le odds sono 8 a 38, cioè 8 carte su 46 con il 17.39% di probabilità di ultimare la scala bilaterale.

Il calcolo delle probabilità ? essenziale per vincere a Poker Hold'em, 4.4 out of 5 based on 11 ratings