Il gambling online negli USA piu’ imprevedibile del keno

0
1

Ora che Barney Frank, Senatore Democratico e Presidente della House Financial Services Committee, ha pubblicamente annunciato la nuova legislazione, lui ed innumerevoli altri attivisti a favore del gambling, sperano che abroghi l’UIGEA e favorisca la regolamentazione del gioco d’azzardo, intanto le possibilita’ che le proposte del Senatore siano approvate iniziano a diventare più chiare.

Barney Frank non è nuovo a controversie ed opposizioni; ancor prima che avesse terminato il suo ultimo progetto, gli oppositori stavano già esprimendo delle opinioni in merito. Il mese scorso infatti sul sito di news politiche ?The Hill? è apparso un articolo che esprimeva la pessimistica prospettiva che il disegno di legge di Frank non avrebbe mai visto la luce del giorno. In effetti non è difficile intuire che essendo stato proposto come un disegno a s? stante e non allegato ad un programma più ampio, le sue possibilità di successo sono ridotte.

Sebbene ci sia da discutere in merito a queste decisioni, il Senatore Frank ci tiene a sottolineare come i colleghi della coalizione opposta abbiano usato il Port Security Bill nel 2005 per far passare l’Unlawful Internet Gambling Enforcement Act, e che nonostante questo sia sicuramente un vantaggio a cui lui ha volutamente rinunciato, egli potrebbe godere dell’appoggio anche di una parte dei conservatori.

Questo è quello che alcuni analisti credono, così come il senatore Alfonse D?Amato, che nonostante sia il presidente della Poker Player Alliance, una delle più grandi e più forti lobbyes per la legalizzazione del gioco d’azzardo, e grazie a ciò possa permettersi comunque un certo ottimismo, ha recentemente affermato che la proposta di legge di Frank raccoglier? consensi in entrambe le coalizioni, essendo in molti quelli che si sono accorti delle pecche dell’UIGEA.

Poich? l’UIGEA sta costando ai contribuenti bilioni in tasse, e sta tagliando fuori da un mercato ricco aziende che sono costrette a operare sui mercati esteri, alcuni politici lo stanno paragonando alle proibizioni del 1920. Ma soprattutto l’UIGEA non riesce effettivamente a proteggere i minori dal problema del gioco d’azzardo, ne coloro che potrebbero essere vittime del gioco, mentre il disegno di legge di Frank sembra offrire delle soluzioni efficaci per proteggere i più giovani, più o meno come avviene in Gran Bretagna, dove la legge regola con successo il gambling online.

Gli scommettitori online però non possono ancora cantare vittoria, perchè anche se la proposta dovesse ottenere l’approvazione del Congresso, l’ultima parola spetta alla volontà individuale del singolo Stato che decider? se regolarizzare oppure no. In altre parole il panorama del gioco d’azzardo per ogni cittadino statunitense potrebbe somigliare ad uneestensione virtuale di Las Vegas o meno a seconda da dove è residente.

Il gambling online negli USA piu' imprevedibile del keno, 4.0 out of 5 based on 11 ratings