In calo le visite a Las Vegas, e le spese ai tavoli da gioco dei casino

0
0

Non è sicuramente una novità che sia negli Stati Uniti che in Europa, la crisi economica abbia spinto la stragrande maggioranza delle persone a ridurre le spese superflue, ed ovviamente questa inclinazione si è fatta sentire anche nel settore del gioco d’azzardo, sebbene il gioco online stia conoscendo un periodo di forte sviluppo nonostante le difficoltà economiche globali.

La città di Las Vegas, meta preferita dagli amanti del gioco e delle scommesse, ha riscontrato negli ultimi anni, un calo delle visite, ma soprattutto un calo della spesa di ogni turista, sia all’interno dei casino, che negli alberghi. E’ quanto rivelato dalla Las Vegas Convention And Visitors Authority, con l’ultima ricerca sul profilo del visitatore tipo, che ha messo in evidenza una inclinazione a spendere meno rispetto agli anni precedenti.

Il giocatore medio avrebbe disposto nel 2009, di un budget di spesa nei casino di 481 $ per viaggio, contro i 532 $ nell’anno 2008, e gli oltre 555 $ nell’anno 2007; mentre la spesa media per ogni notte in albergo sarebbe scesa del 25% circa, fino ad approssimativamente 76 $ a notte; invece il costo di un pacchetto viaggio per Las Vegas ha visto un calo del 14% rispetto al 2008.

Lo studio è stato svolto intervistando 3.600 visitatori per le vie di Las Vegas, il 15% dei quali si trovava in città per una visita a parenti o amici, mentre nel 2008 questa tipologia di visitatori era solo dell’11%; si tratta di un dato importante se si tiene conto del fatto che questi turisti spendono molto meno nei casino, rispetto a quanto spenda chi visita Las Vegas con l’intenzione di giocare.

In calo le visite a Las Vegas, e le spese ai tavoli da gioco dei casino, 3.9 out of 5 based on 10 ratings