In Italia il fisco analizza 10.000 conti di giocatori di poker online

0
1

Fino ad ora ci eravamo abituati all’idea che fossero i circoli di poker a finire nel mirino dei controlli del fisco, l’ultima notizia ci è arrivata da Roma, dove alcuni giocatori sono stati denunciati per gioco d’azzardo; secondo la legge attualmente in vigore infatti non è consentita l’apertura al pubblico di locali adibiti al gioco d’azzardo.

Ma a subire attenti controlli adesso saranno anche tutti i giocatori di poker online, i quali si ritroveranno ad essere sotto controllo, pur scommettendo somme non particolarmente rilevanti, infatti il fisco sta ora prendendo in analisi oltre 10.000 conti di gioco, che secondo quanto apparirebbe da un primo esame, non sarebbero del tutto in regola.

Infatti sarà proprio attraverso uneindagine sui conti di gioco online, che il fisco potrebbe arrivare a scoprire un più o meno elevato numero di evasori fiscali; molti dei conti presentano delle anomalie, ossia spostamenti di denaro che in base alle dichiarazioni dei redditi dei relativi proprietari, non ci si aspetterebbe; ma la spiegazione potrebbe non essere necessariamente l’evasione fiscale, infatti potrebbe anche trattarsi dell’utilizzo di soldi altrui, ad esempio da parte di disoccupati o nullafacenti.

Insomma giocare nelle poker room online è lecito da tempo in Italia, ma non è da escludere che proprio attraverso l’analisi di conti di gioco, il fisco non sia in grado di scoprire l’evasione fiscale di ignari pokeristi; un metodo non proprio ortodosso, ma che potrebbe ugualmente rivelarsi efficace.

In Italia il fisco analizza 10.000 conti di giocatori di poker online, 4.1 out of 5 based on 12 ratings