Incassi dei casino italiani, il casino di Venezia e la questione mance

0
1

In teoria dovrebbe essere piuttosto semplice tirare le somme per capire come siano andati gli affari nel mese di Settembre 2009, per ciascuno dei quattro casinò italiani, all’atto pratico però tendono a presentarsi dei piccoli imprevisti, che per quanto possano apparire di minima importanza, contribuiscono in modo comunque determinante ed impediscono una chiara visione d?insieme.

Prendiamo ad esempio il caso del Casino di Venezia, i dati del quale, riferiti al mese di Settembre 2009, ci mostrano un calo delle entrate, che dai 14.182.049 è dello stesso mese del 2008, sono scese a 13.013.781,97 ?, almeno questo risulta guardando i dati ufficiali, ma il direttore generale del casino, Carlo Pagan, fa notare che si è trattato invece di un ottimo risultato; il mistero è presto svelato, infatti tutto sta nel considerare o meno la voce delle mance, che mentre possono ricoprire uneimportanza del tutto marginale per la maggior parte delle attività di altro genere, come bar o ristoranti, possono arrivare a coprire qualcosa come il 40% delle entrate nel caso dei casinò.

E’ dunque giusto tenere conto anche delle mance? Qui le opinioni sono discordi, e mentre a Venezia vi sono correnti che sostengono di s?, negli altri tre casino italiani si afferma esattamente il contrario, ma la questione mance non è la sola a complicare i conti, infatti il Casinò di Saint Vincent ha messo in luce un’altra incongruenza, gli incassi di un gioco di recente ideazione, chiamato Tag?, non sono stati conteggiati per il mese di Settembre, probabilmente perchè lo stesso era in fase di sperimentazione, e lo è tuttora, precisa l’amministratore del casino Luca Frigerio, ad ogni modo poco avrebbero inciso i 4.000 è o poco più fruttati dal suddetto gioco.

Incassi dei casino italiani, il casino di Venezia e la questione mance, 4.3 out of 5 based on 15 ratings