La PPA contro l’oscuramento di 141 siti di gioco online nel Kentucky

0
0

La Poker Player Alliance ha recentemente rilasciato una dichiarazione a seguito della del tutto inattesa notizia, che la Corte Suprema dello stato del Kentucky avrebbe rovesciato il blocco imposto dalla Corte d?Appello di stato sulla confisca di svariati domini internazionali di gioco online.

Il direttore esecutivo della PPA, John Pappas, ha espresso il proprio parere a tal proposito, dimostrandosi comunque fiducioso in uno sviluppo positivo della faccenda; ?la PPA comprende la natura tecnica della decisione presa oggi dalla Corte Suprema del Kentucky, e rimane convinta che, una volta che la questione sarà risolta, la Corte Suprema indirizzer? il proprio supporto verso la decisione della Corte d?Appello di proibire la confisca da parte del Commonwealth di 141 siti di gioco online?.

Secondo la Poker Player Alliance non si tratterebbe solo di difendere i diritti dei giocatori di poker e degli appassionati di gaming dello stato del Kentucky, ma la libert? del sistema internet in tutto il mondo, mentre le azioni portate avanti dal Commonwealth vengono giudicate fin troppo spregiudicate.

Aggiunge John Pappas: ?lo sforzo del Commonwealth attraverso questa, a nostro parere illegale, confisca dei siti internet, rappresenta un pericoloso precedente per chiunque utilizzi internet? concludendo poi ?la PPA ed i suoi membri continuano ad incoraggiare le istituzioni del Kentucky per la regolarizzazione del poker online nell’interesse e nella tutela di tutti i consumatori.?.

La PPA contro l'oscuramento di 141 siti di gioco online nel Kentucky, 4.7 out of 5 based on 11 ratings