Le Antille Olandesi compiono un passo avanti verso l’autonomia

0
3

Secondo quanto riportato ieri dalla BBC, la dipendenza dall’Olanda delle Antille è definitivamente cessata, in seguito ad alcuni cambiamenti nello stato costituzionale che rendono le isole, comprese Curacao e Sain Maarten nei Caraibi, dei centri autonomi.

Si parla spesso delle Antille Olandesi in ambito di gambling online, ma oltre alla ricchezza derivata dal mercato del gioco su internet, contestualmente al quale questa giurisdizione ha rilasciato numerose licenze di gioco negli ultimi 10 anni, altre fonti di guadagno per le isole sono il turismo, le raffinerie di petrolio, e la finanza offshore.

Stando a quanto riferito dalla BBC, l’arcipelago formato dalle cinque isole di Curacao, St Maarten, Bonarie, St Eustatius e Saba, ha accumulato un debito che ammonterebbe a circa 2 miliardi di euro, la maggior parte del quale di proprietà dell’Olanda; le quattro isole più piccole hanno precisato che il debito è stato più che altro creato dall’isola di Curacao, l’isola più grande e di fatto la capitale delle ex-antille olandesi, nonchè centro nevralgico nel rilascio delle licenze di gioco online.

L?arcipelago, una volta chiamato Indie Occidentali Olandesi, è divenuto nel 1954 lo stato semi-autonomo delle Antille Olandesi; da domenica in seguito ad un referendum che ha visto favorevoli al nuovo stato 4 delle 5 isole, le Antille guadagnano la propria autonomia sia nella gestione dei problemi di politica estera che nella difesa.

Le Antille Olandesi compiono un passo avanti verso l'autonomia, 4.1 out of 5 based on 14 ratings