L’Italia verso l’apertura ai casino online, a Marzo il poker cash game

0
1

Secondo una stima del direttore dell’AAMS, Antonio Tagliaferri, il settore dei giochi online raggiunger? durante il 2010, un fatturato totale di circa 6 miliardi di Euro; si tratta di una previsione che spiegherebbe ampiamente il forte interesse anche da parte di operatori stranieri ad entrare nel mercato Italiano.

Graham Wood su Gambling Compliance, annuncia che sarebbe pronta a partire infatti la caccia alle licenze, che verranno acquistate dagli operatori europei a 300mila Euro più IVA, a partire dalla primavera; restano comunque molti dubbi circa il tema delle tasse, e non sono in pochi gli operatori ancora un po’ perplessi riguardo alle restrizioni del regime italiano.

Prima che si possa avere un nuovo regime per il gioco online, considerato anche il periodo di preavviso necessario secondo le norme europee, si dovr? aspettare Giugno o Luglio, spiega il dirigente dell’AAMS, Tagliaferri, che prevede invece l’arrivo della modalità cash game per il poker online, già per il mese di Marzo; a Febbraio invece faranno la loro comparsa nel mercato le attesissime videolottery; discorso diverso per il bingo online che ha già iniziato ad elargire le prime vincite ai suoi giocatori dalle sale di Gioco Digitale alla fine del 2009.

La proposta di regolamentazione italiana dovr? anche essere presa in considerazione dagli altri stati membri, ma una volta approvata dovrebbe finalmente dare la possibilità ai giocatori del nostro Paese, di accedere ad un vasto assortimento di servizi per il gioco online, offerti sia da operatori italiani che del resto d’Europa.

L'Italia verso l'apertura ai casino online, a Marzo il poker cash game, 4.5 out of 5 based on 13 ratings