Nasce il progetto Neureka: una slot machine per la ricerca

0
0

Si tratta di un progetto interessante, consistente nel lancio di una slot machine che permetterà di raccogliere dei fondi per la ricerca nel campo della cura delle malattie neurodegenerative; una slot etica dunque, che sarà a tutti gli effetti un gioco dove si scommette denaro e si possono vincere soldi veri, ma con la differenza che l’incasso non restituito sotto forma di vincita sarà devoluto al centro per la sperimentazione dell’ospedale San Raffaele.

L’idea è stata sviluppata in collaborazione tre il casino di Campione d’Italia, la fondazione Maria Teresa Parea Uva e l’Inspe, centro per la sperimentazione e la ricerca del San Raffaele appunto, ed è così nato il progetto Neureka, presentato il 5 ottobre a Milano.

Alberto Uva, presidente della Fondazione ha spiegato che nel campo della raccolta fondi è stato fatto un vero e proprio salto di qualità, “abbiamo pensato di rivolgerci ad un mercato ricco, come quello del gioco, ed il casino di Camipne d’Italia ha subito accolto la nostra proposta”.

Il mercato del gioco è infatti il terzo settore più produttivo in Italia, per un fatturato di circa 60 miliardi di euro all’anno, secondo quanto detto dallo stesso amministratore delegato del casino, Carlo Pagan; soddisfatto anche il direttore dell’istituto neurologia sperimentale del San Raffaele, che dopo essersi dimostrato entusiasta per il risultato, ha spiegato l’importanza di fondi per finanziare la ricerca, “le risorse economiche sono il problema principale della ricerca nel nostro Paese”.

Nasce il progetto Neureka: una slot machine per la ricerca, 4.8 out of 5 based on 16 ratings