Nuove norme per il mercato del gioco online del Regno Unito

0
0

Il Department for Culture, Media e Sports del Regno Unito, ha recentemente indetto una consultazione per l’introduzione di nuovi requisiti richiesti alle società di gioco online straniere, per ottenere la licenza ad operare nel mercato britannico.

Questo provvedimento è stato il seguito naturale delle lamentele che alcune compagnie di scommesse online, e le stesse autorità, hanno esposto, mettendo in evidenza una realtà nella quale gli operatori stranieri hanno la possibilità di accedere al mercato del Regno Unito, godendo del vantaggio di regimi fiscali meno onerosi, come quello di Gibilterra, dell’Isola di Man o di Malta, che finiscono quindi con il penalizzare al tempo stesso gli operatori nazionali che sono tassati secondo le leggi britanniche.

La ricerca di una maggiore convenienza, per poter essere anche più competitivi ha già portato importanti operatori nel mercato del gambling online, come William Hill e Ladbrokes, a spostare la propria sede legale fuori dai confini nazionali.

Secondo il progetto di legge del Ministro degli Sports, Gerry Sutcliffe, la quale prima di entrare in vigore dovr? attendere un periodo di consultazioni non inferiore a 12 settimane, gli operatori attualmente provvisti di licenze concesse in altri Paesi, dovranno ricevere una autorizzazione dalla Gambling Commission per poter promuovere i propri servizi ed operare nel mercato del Regno Unito.

Nuove norme per il mercato del gioco online del Regno Unito, 3.6 out of 5 based on 14 ratings