Nuovi Paesi europei decidono di aprire al mercato dei giochi online

0
2

La situazione riguardante le leggi sul gioco online, nei vari Paesi europei, è molto variegata, e se da una parte ci sono governi che hanno preso la decisione di aprire i propri confini al gambling su internet, dall’altra continuano ad esserci Paesi nei quali giochi come il poker, o come la roulette e le slot machines dei casino, sono tuttora banditi.

Tra i Paesi che hanno deciso di autorizzare e regolamentare il mercato dei giochi online vi sono l’Italia, il Belgio, la Danimarca, l’Irlanda, la Francia ed alcuni Paesi dell’Est come Lituania, Lettonia, Estonia, Bulgaria, Malta e Slovacchia; restano però delle sostanziali differenze in merito alle leggi sul gioco in ciascuno di questi Paesi, in Francia per esempio sono state autorizzate solo le scommesse ippiche, sportive, ed il poker online, mentre l’Estonia si è dimostrata il Paese più tollerante circa il mercato del gambling su internet.

Tra i Paesi che invece hanno deciso di sbarrare le porte al sempre più attivo mercato del gioco online, figurano la Svizzera, l’Olanda, la Finlandia, il Portogallo, la Slovenia, la Grecia, l’Ungheria e la Germania.

In Germania è stata emanata una legge simile all’UIGEA degli USA, ed è stata vietata la pubblicità di siti di gioco sul territorio nazionale, più o meno come ha fatto la Svizzera; alcuni di questi Paesi stanno però iniziando a rivedere la propria posizione, come l’Ungheria e la Spagna, dove sembra che si possa verificare uneinversione di rotta.

Nuovi Paesi europei decidono di aprire al mercato dei giochi online, 4.5 out of 5 based on 14 ratings