Poker cash game in Italia: entro il 2011 superer? la modalità torneo

0
0

Con l’imminente arrivo del poker cash game in Italia, iniziano ad arrivare alcune previsioni, come ad esempio quella fatta da Giovanni Carboni di Carboni & Partners in occasione del convegno Poker 2.0, con la quale prospetta un clamoroso successo per la nuova modalità anche in Italia come negli altri Paesi dove è già una realtà da tempo, e specifica che il cash game prevarr? sul poker nella modalità tornei.

I poker in versione torneo infatti cederè senza dubbio una quota dei propri giocatori a favore del poker cash game, ma è importante, sottolinea lo stesso Giovanni Carboni, che l’introduzione del cash game avvenga in modo graduale, ad esempio imponendo dei limiti iniziali ai bui, che potrebbero non superare i 50 centesimi o 1 è al massimo.

Ad occuparsi di questo dovrebbe essere l’Authority, per non lasciare l’obbligo ai concessionari, altrimenti si rischia che ad incassare grosse somme siano soltanto alcuni giocatori più esperti, mentre un grosso numero di pokeristi potrebbe ritrovarsi a bocca asciutta, con una conseguente prevedibile perdita di interesse.

Sempre secondo Carboni, entro il 2011, il poker cash game superer? come numero di giocatori, il poker in modalità torneo, con una raccolta che si potrebbe attestare intorno ai 6 miliardi di euro, contro i soli 1,8 miliardi previsti per la vecchia modalità di gioco.
Ma non sarà solo il cash game a fare breccia negli interessi degli appassionati di gambling, una maggiore quota del mercato sarà conquistata anche dal bingo online, dalle scommesse sportive, e dai casino.

Poker cash game in Italia: entro il 2011 superer? la modalità torneo, 4.3 out of 5 based on 15 ratings