Scoperti centri di scommesse online controllati dalla Sacra Corona

0
1

Sono stati eseguiti nella giornata di ieri, ben 8 provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti di alcuni esponenti di un clan appartenente alla Sacra Corona Unita, il quale aveva interessi nel mercato dei giochi e delle scommesse nel brindisino.

Pino Rogoli, di Mesagne, aveva costituito il sodalizio a capo del quale vi era un boss già da tempo in carcere, Antonio Vitale, che si appoggiava a due referenti, anch?essi di Mesagne, Ercole Penna e Daniele Vicentino; il clan operava nelle zone di Oria, Latiano, Ceglie Messapica fino ad Ostini, e riusciva a controllare alcuni centri di scommesse online, nei quali riusciva ad imporre l’installazione di apparecchi che venivano forniti da tale Albino Prudentino che è stato arrestato a Valona in Albania dove era in procinto di aprire un casino.

Daniele Vicentino e lo stesso Prudentino sono anche accusati di estorsione ai danni di una società di Ceglie Messapica operante nel mercato delle scommesse, il titolare della quale sarebbe stato costretto a versare circa 10.000€ all’anno.

Cataldo Motta, Procuratore della Repubblica di Lecce ha spiegato che in seguito alle indagini svolte nell’arco di due anni, si è potuto accertare che il clan appartenente alla Sacra Corona Unita, formato dai gruppi mesagnesi, che era coinvolto nelle attività riguardanti il mercato dei giochi e delle scommesse nel brindisino, continua a fare capo alle stesse persone, non vi sarebbe stata quindi alcuna rigenerazione dei suoi elementi.

Scoperti centri di scommesse online controllati dalla Sacra Corona, 4.4 out of 5 based on 17 ratings