Sospesa la tassa della fortuna per le videolottery

0
1

Recentemente si è parlato della nuova tassa che avrebbe riguardato tutte le vincite superiori a 500€, realizzate a gratta e vinci, superenalotto, win for life, e videolottery. Adesso però ci sono delle interessanti novità che riguardano questo provvedimento necessario, secondo l’attuale governo, per risollevare almeno in parte, le finanze del Paese.

La nuova tassa, soprannominata tassa sulla fortuna, è di fatto un prelievo del 6% sulle vincite realizzate ai giochi appena elencati, ma che non tocca le vincite di ammontare pari o inferiore a 500€. Come si è spiegato in altre occasioni, giochi come Win for Life, Superenalotto, e gratta e vinci, che sono in grado di offrire vincite anche molto consistenti, avrebbero visto i propri montepremi fortemente ridimensionati.

Il vero problema però, a quanto pare non riguarda questi giochi, ma le videolottery, per le quali, almeno fino al 25 gennaio, non verrà applicata la nuova tassa. Il ricorso, presentato dai concessionari, è stato accolto, ed il Tar del Lazio ha sospeso il provvedimento in attesa della discussione dei ricorsi, ritenendo le proteste perfettamente fondate.

Infatti è stato fatto notare che la tassa del 6% sulle vincite eccedenti i 500€ stava pesantemente penalizzando i giocatori, ma vediamo in che modo. Ipotizziamo che un giocatore scommetta 600€ ad una videolottery, e abbandoni il gioco dopo aver perso solo 10€, la macchinetta gli pagherà 590€, che per la nuova legge è una vincita da tassare al 6%, e che quindi porterebbe il giocatore a pagare le tasse sui 90€ eccedenti la soglia dei 500.

Grazie alla nuova tassa sulle vincite superiori a 500€, lo stato dovrebbe riuscire a raccogliere circa 150 milioni di euro, e metà di questa somma sarebbe dovuta provenire proprio dalle videolottery, anche se sembra proprio che per il momento così non sarà.

Sospesa la tassa della fortuna per le videolottery, 4.2 out of 5 based on 13 ratings