Tattiche di gioco per chi a poker si ritrova con uno stack medio-basso

0
3

Quando si è impegnati in un torneo di Poker Texas Hold’em bisogna tener presente che spesso i playerscercano di avvantaggiarsi nel corso della prima ora di gioco, realizzando delle azioni affrettate. Noi, invece, cerchiamo di trarre vantaggio da questa prerogativa, e nella fase iniziale del torneo tentiamo di avere uno stile di gioco molto contenuto e selettivo, soprattutto per quanto riguarda la scelta della mano su cui puntare.

? necessario tenere bene in mente che gli avversari tenteranno subito di raddoppiare il proprio stack ma noi resteremo alla larga da questi tentativi, mentre loro saranno i primi ad essere eliminati. Bisogna avere molta pazienza, a meno che non si possiede una mano con un’alta percentuale di vittoria, come AA o KK, ma anche in questo caso bisogna procedere con cautela.

Se si possiede uno stack che è 4 o 5 volte il big blind, bisogna adattare il proprio stile di gioco poichè si ha uno stack molto ridotto, è importante non lasciarsi abbattere da questo momento critico, anzi sono proprio questi momenti che plasmeranno il giocatore di poker che è in voi. Per questa specifica circostanza c’è solo una soluzione: aspettare la mano adatta e andare all-in.

Quando invece si possedie uno stack di medio valore l’obiettivo primario sarè quello di risollevarsi dalla situazione. Innanzitutto evitiamo di effettuare call se non si è nettamente certi della superiorit? della mano; realizzare un fold dopo aver chiamato è la mossa più svantaggiosa per chi è messo nella situazione di avere uno stack più o meno ridotto. Cerchiamo di sfruttare al massimo la posizione al tavolo e aspettiamo l’occasione giusta per attaccare l’avversario che fino a quel momento ci è sembra più debole.

Tattiche di gioco per chi a poker si ritrova con uno stack medio-basso, 4.2 out of 5 based on 14 ratings