Trente et quarante: un altro appassionante gioco di carte

0
5

Conosciuto anche come “Rouge et Noir”, il Trente et Quarante si gioca con 6 mazzi di 52 carte, chiamati Sixain, che vengono aperte e distese sul tavolo prima di ogni partita, in modo tale da dimostrare ai frequentatori del casinò la lealt? del banco.

Il gioco si svolge essenzialmente su quattro combinazioni contrapposte a due a due: Rosso/Nero e Colore/Inverso. Il croupier dispone, una di seguito all’altra, le carte su due file: la prima fila di carte determina il punto del Nero, la seconda quello del Rosso, e la vincita è pagata una volta la posta. Particolare importante, che da anche il nome al gioco, è questo: la somma di ogni fila di carte deve essere tra il trenta ed il quaranta.

Per quanto riguarda la seconda tipologia di combinazione, quella del Colore/Inverso, per decretare il vincitore si agisce così: se la prima carta della prima riga è del colore vincente, vince Colore; se la carta è di colore diverso dal colore vincente, vince Inverso. Se la somma dei punti delle due file è uguale, il colpo è considerato nullo, se è uguale a 31 per entrambe le file,le puntate dei giocatori vengono messe in prigione.

In caso di ritiro dalla prigione da parte del giocatore, le puntate perdono metà del proprio valore,ma se non ritirate possono essere spostate a piacimento del partecipante su una diversa combinazione.

Trente et quarante: un altro appassionante gioco di carte, 4.1 out of 5 based on 12 ratings