UIGEA sotto inchiesta dall’Unione Europea per i casino online

0
1

Finalmente alla fine della settimana scorsa i risultati delle lunghe investigazioni condotte in merito all’UIGEA dalla Commissione sul Commercio dell’Unione Europea sono state pubblicate. Come gia’ anticipato i risultati dell’indagine non si sono dimostrati favorevoli all’UIGEA.

All’inizio della scorsa settimana era stato gia’ annunciato che la Commissione Europea era in procinto di pubblicare i risultati così a lungo attesi, con un articolo contenente informazioni addizionali su come gestire l’intera vicenda.
Dopo un’attenta indagine durata ben 12 mesi, la Commissione sul Commercio dell’Unione Europea ha sancito che con l’UIGEA nel 2006 gli USA hanno violato gli accordi del WTO tra Stati Uniti ed Europa.

La principale conclusione della ricerca è che consentendo a compagnie di bandiera di operare nel mercato del gambling online, e allo stesso tempo proibendo alle compagnie straniere di fare altrettanto, gli States hanno effettivamente messo in atto misure protezioniste. Questo tipo di misure sono assolutamente in contrasto con le idee del libero mercato e concorrenza che il WTO punta a realizzare.
Le compagnie americane come ad esempio Churchill Downs Inc., non sono state ostacolate minimamente per offrire servizi di gioco d’azzardo online. Invece nonostante questi affari siano stati protetti dalle compagnie Europee, il risultato non sembra prospettare la possibilità di appellarsi al WTO per mancati profitti da parte delle compagnie penalizzate.

Pare che la migliore soluzione possa essere quella di intavolare delle trattative con l’amministrazione di Obama, e a forse questa potrebbe essere una soluzione soddisfacente.

UIGEA sotto inchiesta dall'Unione Europea per i casino online, 4.2 out of 5 based on 12 ratings