William Hill progetta di spostare all’estero i servizi di gambling online

0
1

Si è molto parlato ultimamente della possibilità che William Hill plc, una delle più importanti compagnie di gambling online e terrestre, decida di spostare i suoi servizi di gambling online, fuori dai confini del Regno Unito, vuoi per via della crescente competizione, vuoi per il peso fiscale, la compagnia sta seriamente valutando questa opportunit?.

A gettare benzina sul fuoco in merito alla questione, una recente intervista rilasciata al Financial Times da parte del CEO di Will Hill, Ralph Topping, nella quale sottolineava il fatto che la compagnia di cui fa parte, affronta la concorrenza di tutto il mondo, competendo con oltre 400 siti di scommesse in lingua inglese, dichiarando ?in queste circostanze non possiamo sicuramente permetterci il lusso di restare in un mercato ristretto, o prendere decisioni semplicistiche su questioni complicate?.

Topping ha continuato citando alcune compagnie come Bwin e Paddy Power, che sono sotto un regime fiscale con un volume di tasse fortemente inferiore, e questo ha contribuito a dar credito alle voci che affermano che la compagnia Will Hill stia seriamente valutando l’idea di spostare le operazioni di scommesse online fuori dal Paese. Topping ha sempre ritenuto il mercato di internet dotato di un ricco potenziale, e questo è stato recentemente dimostrato dall’espansione di compagnie come Playtech ed Orbis.

Topping ha giustamente espresso la sua frustrazione per essere tenuto a pagare come Will Hill plc, circa il 15% di tasse in Gran Bretagna, quando concorrenti come Paddy Power pagano solo l’1,5% in Irlanda. Il Financial Times, aveva però riportato la notizia che Will Hill stesse chiudendo quest’anno 20 betting shops nel Regno Unito, congelando gli aumenti di stipendio per circa 16.000 dipendenti, solo per questioni di concorrenza.

La notizia del possibile trasferimento off shore da parte del gruppo William Hill, ha colpito l’attenzione del governo che si è detto deluso da questa soluzione prospettata dalla compagnia, ed ha ventilato la possibilità di cambiamenti nel regime fiscale per le società che esercitano in questo settore, al fine di rendere più vantaggiosa la scelta di restare nel Regno Unito.

William Hill progetta di spostare all'estero i servizi di gambling online, 4.1 out of 5 based on 10 ratings